29 dicembre 2009

Ancora sul seminarista presunto effeminato

Tra i commenti al mio primo post sul seminarista irriso perché effeminato (sic!) trovo quello di un anonimo (eheheh) che  prima di quotarmi la descrizione del gruppo facebook "FAN CLUB DELLA SEMINARISTA SFRANTA DURANTE LA CADUTA DEL PAPA!" mi dice:
A testimonianza futura copio e incollo da FaceBook, dal Fan Club della Seminarista Sfranta. Copiate e incollate le discussioni, credo che siano uno spaccato incredibile di cosa è adesso l'Italia e di cosa significano certe cose... Ognuno si faccia un'opinione

Intanto quella che mi "copia e incolla" (cioè mi cita, mi quota) non è la discussione ma la descrizione del gruppo da parte del suo autore...

Comunque vediamo cosa dice il nostro, trattasi di JohnnyAlexAbbate, l'autore del secondo video sul seminarista, che riporto di seguito per comodità del lettore (lettrice).


Dunque il "nostro" dopo aver invitato tutti a esprimersi in merito a cosa avrà pensato il seminarista in quel momento (cioè quello della caduta del papa)Secondo te, cosa avrà pensato in quel momento la seminarista sfranta? SCRIVILO SULLA BACHECA!(Rigorosamente in accento romanesco) dice:
Sia chiaro.. A NOI QUESTO SEMINARISTA E' INCREDIBILMENTE SIMPATICO E PROBABILMENTE MOSTREREBBE PIU' AUTOIRONIA DI TANTI BACCHETTONI CHE STANNO PARLANDO DI QUESTO GRUPPO COME SE FOSSE UNA SPECIE DI RIUNIONE DI FASCISTI OMOFOBI MASCHILISTI. Quando il saggio indica la luna, il giornalista guarda il dito. ^_^ . 2 : La comicità non sta nel fatto che il seminarista è effemminato, dato che di preti gay ecc ecc ne vediamo a bizzeffe.. ma nel fatto che c'era un seminarista effemminato, in diretta mondiale, mentre il Papa cadeva, durante un enorme cerimonia religiosa aulica e seria. Questo è comico. Vedere una COSA FUORI DALLE PREVISIONI. Qualcosa che spezza la monotonia di una diretta televisiva di regime. Questo è divertente. E comunque di preti e frati gay che ci provano col sottoscritto, ne vedo a decine ogni giorno. E sinceramente non sono simpatici quanto questo seminarista. 3: Evviva i gay effemminati, evviva i gay maschili, evviva le lesbiche, i trans, gli eterosessuali, i terroni e i polentoni. Abbasso i giornalisti coglioni! (Ps. : non sono responsabile delle cazzate che la gente scrive su questo gruppo e lascerò che chiunque possa esprimere le proprie opinioni. Si chiama democrazia. )

Il giornalista? A chi si riferisce? Nemmeno uno straccio di link...

La comicità non sta nel fatto che il seminarista è effemminato, dato che di preti gay ecc ecc ne vediamo a bizzeffe...

Quindi il nostro conferma che (oltre a non saper scrivere in italiano.. effeminato non effemMinato...)
a) il seminarista è effeminato
b) DUNQUE è gay

Se non sono argomentazioni maschiliste e patriarcali queste...

[la comicità sta]... nel fatto che c'era un seminarista effemminato, in diretta mondiale, mentre il Papa cadeva, durante un enorme cerimonia religiosa aulica e seria. Questo è comico.

c'era un seminarista effeminato= una persona effeminata è buffa

in diretta mondiale= vieppiù se la (la persona non la seminarista) vedono in molti

mentre il Papa cadeva= la persona effeminata è doppiamente fuoriluogo in quanto effeminata e perché mostra di esserlo mentre il papa cade (con buona pace del gesto originale del seminarista che era di apprensione, quindi conforme all'accaduto)

durante un enorme cerimonia religiosa aulica e seria
un enorme va con l'apostrofo comunque l'aggettivo "enorme" non c'azzecca nulla con "cerimonia religiosa" (enorme dicesi di cosa Di dimensioni gigantesche, Che oltrepassa di molto la misura normale)aulica (forse era meglio solenne...) e seria.
Dunque la persona effeminata non solo fa ridere MA NON E' NEMMENO SERIA!!!

Questo è comico. Vedere una COSA FUORI DALLE PREVISIONI.

preferisci pensare
che un gay sia una sorta di errore
una cosa immorale
o nel caso migliore
un giullare, un fenomeno da baraccone
e lo tollererai solo in quanto eccezione
e lo tollererai solo in televisione
lo chiamano gay
e tu pensi ricchione

Qualcosa che spezza la monotonia di una diretta televisiva di regime. Un regime mondiale se la diretta era per sua stessa ammissione in mondovisione...

Questo è divertente.

Durante una cerimonia solenne e seria il papa cade, un vescovo si rompe un femore e lui trova divertente un seminarista tacciato di effeminatezza e dunque subito equiparato ai gay...
Nemmeno l'ingenuità di un quindicenne...

E comunque di preti e frati gay che ci provano col sottoscritto, ne vedo a decine ogni giorno

Eco che (s)cade  nel personalismo. Ci sta dicendo che esistono preti e frati gay. Lui lo sa. Perché ci provano con lui. Tutti i giorni.
Non si rende proprio conto della sua omofobia.
Nessuno ha mai negato che ci siano gay anche tra preti e frati. I gay le lesbiche, sono persone normali, ci sono in ogni compagine. Non è strano vederli nemmeno in chiesa. Non c'è bisogno che ce lo dimostri dicendo che ci provano con lui (che comunque più che una prova sa tanto di pettegolezzo... Ma si sa questa è l'antropologia televisiva in cui stiamo tutti affogando...).
E sinceramente non sono simpatici quanto questo seminarista.
Poverino! Meno male che non è una donna con la quale tutti i maschi (tranne il seminarista...) si sentono autorizzati a provarci perché fa tanto macho...

Io (e altri) criticavamo l'uso politico di un seminarista, strumentalizzato, in quanto effeminato (prima forma di maschilismo) perché esterna meraviglia in maniera (per alcuni) poco virile (se non è fascista questa argomentazione...), come persona omosessuale (inferenza maschilista)  dentro la chiesa e, dunque, in contraddizione coi suoi stessi dettami...

Evviva i gay effemminati, evviva i gay maschili, evviva le lesbiche, i trans, gli eterosessuali, i terroni e i polentoni. Abbasso i giornalisti coglioni!
Come un vecchio sloga Rai: di tutto, di più. Ma in realtà non dice nulla. Ha già detto prima...
I giornalisti poi (chissà chi...) sono coglioni, che va anche bene, se solo ci spiegasse il perché...

(Ps. : non sono responsabile delle cazzate che la gente scrive su questo gruppo e lascerò che chiunque possa esprimere le proprie opinioni. Si chiama democrazia. )

Ed ecco la vulgata sulla democrazia che piace tanto a Berlsuconi.
In nome della democrazia si possono dire cazzate. E' vero. Lui  ne ha scritte tante e io combatterò affinché anche lui possa continuare a dirle. Ma poi deve prendersi anche le critiche. Mie o altrui. Perché libertà, come diceva Rosa Luxemburg, è sempre quella di dissentire...

Qualche dubbio che quel che scrivono gli altri sul suo gruppo non sia affar suo.
Se nel mio blog scrivono, che ne so, che le donne sono inferiori, io non censuro ma critico e mi dissocio...
Lui se ne pasce e gongola...

Insomma troppa importanza per una boutade piccola piccola che la dice lunga su come certi gay siano ancora vittima dei meccanismi maschilisti che prima li intrappolano in odiose categorie e poi li costringono a illudersi siano le armi di liberazione da un pregiudizio che è prima di tutto dentro di loro...

Intanto io mi chiedo piuttosto come sta il vescovo col femore rotto...

28 commenti:

Anonimo ha detto...

Intanto "effemminato/a" è parola meno comune di effeminato/a ma dall'accezione regolarmente registrata sia dal Devoto-Oli che dal Gabrielli.
In secondo luogo io credo che si esulti non per il disprezzo verso il seminarista effemminato ma perché quel ragazzo era l'unica cosa vera in mezzo a un corteo di sepolcri imbiancati. Se poi ci sia anche dell'acrimonia e della rivalsa nei confronti degli ecclesiastici in pompa magna credo sia legittimo da parte di uomini e donne quotidianamente insultati da essi.
La Democrazia è poter dire quello che ci pare sapendo però che possiamo essere pubblicamente contraddetti. Nel Berlusconismo il contraddittorio non è previsto, ergo non è democrazia.
Nel piccolo del gruppo di cui mi fregio di essere un sostenitore della prim'ora se dici minchiate (parola presente su qualsiasi dizionario italiano) devi accettare il rischio che qualcuno te lo faccia anche aspramente notare. Ne ha la giusta libertà.
Del femore cardinalizio infine non mi importa nulla, dell'uomo che è caduto rompendoselo sì.
Oren Orel.

Anonimo ha detto...

mi scuso Alessandro, nella fretta non ho firmato, ero io ad incollare; partito dal tuo post ho rintracciato il gruppo su FB, e l'ho incollato, proprio a futura testimonianza: quanta pochezza, imprecisione, e... Immondizia, altro che democrazia. mi spiace ancora
Gendibal

Anonimo ha detto...

Sapete che c'è? Siete più dogmatici e autoreferenziali di quei cardinali.
Leggendovi si capisce la crisi della Sinistra e del movimento gay tradizionale.
Oren Orel II parte.

Alessandro Paesano ha detto...

Prendo atto di effemminato.

In secondo luogo io credo che si esulti non per il disprezzo verso il seminarista effemminato ma perché quel ragazzo era l'unica cosa vera in mezzo a un corteo di sepolcri imbiancati.
Peccato che questo non sia quello che ha detto l'autore del gruppo. Né i commenti fatti su facebook e altrove. Infine quello che dici tu non risolve i dubbi che sollevavo circa il maschilismo di considerare effeminato e quindi gay quel seminarista.

La Democrazia è poter dire quello che ci pare sapendo però che possiamo essere pubblicamente contraddetti.
sei davvero convinto che democrazia vuol dire poter affermare qualunque cosa?Anche che i gay sono malati?
O che Hitler ha fatto bene a gasare gli Ebrei?
questo per te è il vero esercizio della democrazia?

Non è un tantinello qualunquista?
In ogni caso son stato io per primo adire che libertà è dissentire. perché ripeti a me quel che ho detto io per primo?

Per il resto non si capisce. chi dice manchiate? Io?
beh non basta dire che le dico. Dimmi anche dove e, soprattutto, spiegami il perché, come ho cercato di fare sempre io, in tutti i mie interventi.

Alessandro Paesano ha detto...

Non basta dire le cose bisogna anche saperle argomentare.
Io almeno ci provo...

Certo se il movimento gay non tradizionale è il ostro gruppo su faceboOk EVVIVA LA TRADIZIONE!

Alessandro Paesano ha detto...

Per Gendibal.
Pensavo fossi tu ma non avendo visto la tua firma ho pensato ad altri...

Anonimo ha detto...

pare che grazie al tuo blog siano aumentati gli iscritti al gruppo della seminarista.

Anonimo ha detto...

dogmatico per niente, autoreferenziale sicuro.
Per quanto riguarda la crisi della sinistra: bo?
Il movimento gay tradizionale? E chi ci ha mai militato? Non mi serve fino in fondo, certo però a te il gruppo di FaceBook,ti serve molto per difenderti dalla chiesa cattolica eh? Ti funziona vero? Poverinoooo!!!! Attaccati dai cattivoni autoreferenziali che non capiscono l'ironia... Bello di mamma...
Poi, (sniff sniff mi hai commosso) se grazie al blog di Alessandro siano aumentati gli iscritti, bene! Vuol dire che ha funzionato. (Ne siamo contenti: dico bene Ale?) Ora che siete iscritti sarete un po' più sicuri di voi no? Bene così ragazzi! Suggerisco nel 2010 di fondare un nuovo gruppo. Che so? Dedicatelo alle militaresse, magari qualcuna (come dite voi) colta con la mano alla bocca mentre bombardano da qualche parte... Così saranno anche smascherati i militari cattivi coi froci. Poverini! Fateci sapere...
Gendibal

Herm ha detto...

NO, GRAZIE!

Anonimo ha detto...

Ciao Alessandro. TI leggo spesso. Volevo dire però che è davvero di cattivo gusto da parte tua cercare di aumentare i lettori del tuo blog parlando di questo seminarista (lo stai facendo diventare ancora più famoso) e soprattutto ti stanno dando tutti torto. Insomma. Hai fatto davvero una brutta figura oggi, al di là della storia di questo seminarista, che tanto può essere presa sul serio, tanto può essere presa sul ridere. Questo discorso ora mettiamolo da parte. Ma nel tuo caso, c'era probabilmente una ricerca sull'argomento da pubblicare oggi, e per trovare "l'atto omofobico" a tutti i costi, sei incappato in un grande errore. Hai letteralmente riempito di insulti questo ragazzo, mentre lui non ha espresso il benchè minimo insulto verso il seminarista o altre persone. Non ha neanche mai detto che il seminarista è gay, e soprattutto lui stesso ha dichiarato che il suo ex era effemminato e a volte faceva dei gesti che lo facevano ridere. Il fatto che una persona ti ispiri SIMPATIA e ti faccia RIDERE di SANE risate, non vuol dire necessariamente essere razzisti e omofobici. Anzi lui stesso ha sulla sua bacheca una foto dove sta nel bagno di un locale mentre una ragazza gli mette il rossetto. Voglio dire... non ti sei minimamente informato su questa persona. Non sai neanche che ha spesso devoluto la sua paga settimanale a associazioni per la lotta all'aids e per la difesa di gay e trans. Non si può certo dire che prendere in giro un seminarista è una cosa da persone mature.. OVVIO... però ti assicuro che sei stato molto più di cattivo gusto con questo articolo, che tutti i membri del gruppo messi assieme. Ti leggo spesso e ti stimo, ma questa storia del seminarista, la reputo un tuo grandissimo scivolone.

Herm ha detto...

Ciao Anonimo,
sono certo che Alessandro ti risponderà in prima persona, non ha bisogno di avvocati difensori, ma siccome dici che tutti gli danno torto sento il dovere di scrivere 2 righe a mia volta per dissentire da te e affermare che concordo con tutto quello che ha detto Ale.
Quindi non tutti gli danno torto, speravo fosse chiaro dal mio post lapidario in cui riprendevo il titolo del topic: No, grazie!
Quanto alle "sane risate" o all'essersi informato sull'autore che si fa mettere il rossetto o devolve la sua paga alle varie associazioni, cosa centra tutto questo con quello che scrive sull'episodio del seminarista?
Si, certo Ale riprendendo l'argomento ne fa forse parlare ancora di più e probabilmente ha davvero contribuito a far aumentare gli iscritti al gruppo su FB, ma il gruppo non l'ha creato lui e probabilmente chi ci si è iscritto non solo non ha letto per davvero quello che Ale dice, ma probabilmente non se ne frega niente del fatto che il seminarista sia una persona.
Forse questa settimana avremmo potuto conservare per noi la paga e lasciare perdere lui (il seminarista) come buona azione, limitandoci alle nostre foto col rossetto ed a parlare del nostro ex fidanzato cosi spassoso quando schecca!
Herm

Anonimo ha detto...

siamo in tre Herm, ci sono anche io.
Gendibal

PAOLO M.C. ha detto...

Ma siete impazziti? Seguo questo Blog da anni ormai. Seguo Ale e lo stimo tantissimo. Avvolte non ci si trova o non si è daccordo su qualche punto, ma in questa situazione appoggio in pieno ALe, non perchè mio amico, ma semplicemente perchè siamo Esseri umani che pretendono RISPETTO. Non mi pare che il gruppo di FB (in quello che ho letto su questo post) sia rispettoso verso il SEMINARISTA o verso l'essere GAY. Ognuno è libero di essere ciò che vuole senza essere deriso dagli stessi simili o altri.

Chissà quante persone nella Basilica in quel momento hanno avuto la stessa reazione, chissà quante persone da casa hanno fatto lo stesso gesto...

CHE SO TUTTI GAY????

BASTA CON QUESTI CLICHé!!!!

Anonimo ha detto...

"sei davvero convinto che democrazia vuol dire poter affermare qualunque cosa?Anche che i gay sono malati?
O che Hitler ha fatto bene a gasare gli Ebrei?
questo per te è il vero esercizio della democrazia?"
NO, DIRE QUELLO CHE TI PARE NON VUOL DIRE COMMETTERE REATI COME L'APOLOGIA DEL FASCISMO O IL NEGAZIONISMO O LA DIFFAMAZIONE O L'ISTIGAZIONE ALLA VIOLENZA. PER IL RESTO OGNUNO DEVE POTER ESPRIMERE LA PROPRIA OPINIONE.
"
Per il resto non si capisce. chi dice manchiate? Io?"
NO NON TU, SE LEGGI IL TESTO BENE SI CAPISCE CHE SI INTENDEVA "CHIUNQUE DICA MINCHIATE".
"Attaccati dai cattivoni autoreferenziali che non capiscono l'ironia... Bello di mamma..."
CHI HA SCRITTO CHE SIETE AUTOREFERENZIALI SONO IO (OREN OREL) CON TANTO DI PSEUDONIMO. QUINDI NON IL FONDATORE DEL GRUPPO E NON TRAGGO ALCUN VANTAGGIO DALL'APPARTENERVI. SOLO OSSERVO CHE DALLE RISATE SI E' SVILUPPATO UN INTERESSANTE MODO DI CONFRONTARSI TRA 6000 PERSONE. FORSE UNA COSA NUOVA. CHISSA'.
"Il movimento gay tradizionale? E chi ci ha mai militato?"
IO CI HO MILITATO PER ANNI E A 20 ANNI FACEVO I VOLANTINAGGI PER STRADA IN SICILIA IN DIFESA DEI DIRITTI DEI GAY. E' STATO IMPORTANTE MA RITENGO CHE OGGI IL MOVIMENTO GAY SIA IN CRISI PERCHE' DEVE TROVARE NUOVI MODI DI AGGREGAZIONE E NUOVI LINGUAGGI. CHI NON E' CIECO LO AMMETTA. E CHISSA' SE UN PICCOLO INSIGNIFICANTE GRUPPO SU FB NON POSSA ESSERE UN PROTOTIPO O UN ANTICIPO O UN ESEMPIO DI UN NUOVO STONEWALL.
IN FONDO ANCHE QUELLO ERA UN LUOGO MOLTO POCO POLITICAMENTE CORRETTO, GODERECCIO, ASSAI EFFEMMINATO E "AVVELENATO"
FIRMATO:OREN OREL.

Alessandro Paesano ha detto...

Esprimere la propria opinione non significa dire quel che ti pare. Lo ha riconosciuto pure tu...

"Attaccati dai cattivoni autoreferenziali che non capiscono l'ironia... Bello di mamma..."
CHI HA SCRITTO CHE SIETE AUTOREFERENZIALI SONO IO (OREN OREL)


Chi ti ha scritto "bello di mamma" è Gendibal non io... Quindi almeno specifica a chi ti rivolgi...

SOLO OSSERVO CHE DALLE RISATE SI E' SVILUPPATO UN INTERESSANTE MODO DI CONFRONTARSI TRA 6000 PERSONE
Beh sì ance il nazismo e il fascismo avevano milioni di fan ma questo non vuol certo dire che...

RITENGO CHE OGGI IL MOVIMENTO GAY SIA IN CRISI PERCHE' DEVE TROVARE NUOVI MODI DI AGGREGAZIONE E NUOVI LINGUAGGI.
Beh se la soluzione, il "nuovo", è il gruppo di facebook sulla seminarista RITENTA SARAI PIU' FORTUNATO

IN FONDO ANCHE QUELLO ERA UN LUOGO MOLTO POCO POLITICAMENTE CORRETTO, GODERECCIO, ASSAI EFFEMMINATO E "AVVELENATO"

Verissimo ma lì erano i travestiti (=i forci) a picchiare la polizia (gli omofobi) qui sono i froci (gli omofobi)che lapidano mediaticamente un presunto seminarista effeminato (il frocio).

A proposito siete voi che fate battute da shampista sull'effeminatezza non io... quindi perché specificare che ANCHE Stonewall era effeminato? Volete prendere in giro pure Stonewall?

PS. Normalmente il maiuscolo in rete significa urlare.
Magari t'è scappata la maiuscola per tutto il commento, capita anche a me.
Altrimenti, abbassa la voce per cortesia...
Non è che urlando avrai più ragione...

Anonimo ha detto...

Certo che come retore non ti batte nessuno. Il maiuscolo era per differenziare le frasi copiate e incollate dal mio commento e le mie osservazioni.
Rispondere che anche il nazismo aveva milioni di fan è pura retorica, perché allora anche Martin Luther King li aveva.
Io non ho detto che il gruppo sia perfetto ma che può essere un esperimento di nuova aggregazione che, mi insegni, può diventare un fatto politico. Ho detto "può" essere non "è sicuramente".
In effetti io non ho verità rivelate, faccio solo delle analisi con l'umiltà del mio modestissimo bagaglio culturale ed esperienziale. Certo non pretendo di esprimere giudizi infallibili.
L'assai effemminato e avvelenato si riferivano allo Stonewall in quanto paragonato al gruppo in questione che certo non è fatto solo di "integerrimi intellettuali" ma di "froci" di ogni tipo e genere. Che però dopo tanto tempo, su un social network e prendendo spunto da battute che (succede) a volte possono essere anche fuori luogo, si sono messi a confrontarsi e discutere.
OREN OREL

Anonimo ha detto...

Ciao mi chiamo Mauro. Ho avuto la "fortuna" di parlare via cell con il fondatore. Permettetemi di dire al di là di tutto che è una persona dolcissima, simpaticissima e umile. Ma vado al dunque. Mi dice che lui è un pubblicitario, che questo è il suo lavoro, e che di gruppi "virali" che possono avere 10.000 membri in 5 giorni ne potrebbe creare anche uno al giorno. Aggiunge che il modo più efficace per la pubblicità virale è proprio usare la polemica come "vettore pubblicitario" senza che la gente si renda conto di essere entrata nella polemica e di essere diventata essa stessa "vettore della pubblicità" (ovvero tu Paesanini, o io stesso che scrivo qua). Non credo che a lui freghi qualcosa di tutto ciò. Il suo lavoro è questo e oltretutto dice di non fare mai niente senza prima aver consultato il suo legale. Io credo che si stia facendo tanto rumore per nulla. Aggiunge "se cancellassi il gruppo, ne uscirebbero altri 1.000 uguali. il mio ruolo in tutto questa storia è irrilevante." Ps. : ha detto che presto cambierà il nome del gruppo in qualcosa che abbia a che fare con una "rivoluzione gay" una specie di "stonewall reloaded" (mi ha detto proprio cosi). Sicuro che tutti gli utenti siano d'accordo. Non so cosa ha intenzione di fare... ma nel BENE o nel MALE.. il ragazzo è uno che sa il fatto suo e sa cosa fa. Mi ha detto una cosa che mi ha colpito molto :"Se vuoi fare del bene devi necessariamente passare per stronzo. come le ostetriche"

Alessandro Paesano ha detto...

Per Orel Orel.
Per distinguere ciò che quoti da quel che scrivi tu puoi usare il corsivo (coi tag e oppure mettere le virgolette. Il maiuscolo è davvero cattiva netiquette...

Io non ho detto che il gruppo sia perfetto ma che può essere un esperimento di nuova aggregazione che, mi insegni, può diventare un fatto politico

Ecco un brevissimo regesto del tuo fatto polittico...

6000 membri tutta per lei.... che cazzo gli frega ora di diventare Papa...Simone Bruce
MA E' MAI POSSIBILE CHE NESSUNO SIA RIUSCITO A SAPERE CHI E'? ANCHE LEI COME MARRAZZO (A CUI PIACE LA DONNA CON IL CAZZO) S'E' RITIRATA A MONTECASSINO?Mario D'ambrosio

si infatti ragazzi!!!... dobbiamo trovare il nome!!!!!!!!!!!! dai su , manica di froci (perchè mi sembra chiaro a questo punto che questo gruppo è la filiale arcigay e friends) datevi da fare!!! possibile che nessuno la conosca??? ... sfogliate fra i vostri contatti msn o su me2 e company.. la troveremooo!!! Luca Di Tommaso

Dio bono che donna.......più donna della Santissima Madre Benedetta.......certo che nell'ambiente tra pedofili, preti gay, e quello che succede nei seminari...........seme ne va via proprio tanto hahahahaMaurizio Reanto Silvano Manin

Per fortuna cìè anhe chi disnete :
Ma quale gay... è solo un seminarista preoccupato e legato al suo Pontefice. E basta attaccare la Chiesa. Essa ha dato delle dritte ben precise, non attacca ma risponde agli insulti dei gay pride. La Chiesa condanna ciò che comunque rende infelici e soli i gay. condanna quei gesti che accadono nei lettini delle saune, ...nelle dark room. Qui si mettono in gioco storie che invece potrebbero sfociare in un futuro serio e ricco d'amore. Non leghiamo l'essere omosessuale solo all'aspetto sessuale e a mostrarsi per forza donne per i maschi e uomini per le femmine. Basta daje. Ci sono milioni di gay che non si rivedono in quelle manifestazioni. MA NON PER NASCONDERSI. Il seminarista non è sfranta, E' PREOCCUPATO PER IL CAPO DELLA SUA CHIESA. In seminario si aquisisce questa devozione per gli alti prelati. Fabio Catenacci

Allora si cosa si tratta di confronto politico o di goliardata degna delle "peggiori" caserme?

Comunque il mio intervento andava ben al di là di Facebook. Criticavo anche il video di Lorenzo e le reazioni divertite (superficiali e maschiliste) di tutti.
Se solo lo aveste letto e capito...


Sei talmente imbibito di omofobia che opponi agli intellettuali i froci come non ci siano froci tra gli intellettuali o le cose serie non siano di pertinenza dell'omosessualità. Vallo a dire ai gay uccisi menati vessati...

Alessandro Paesano ha detto...

Per MAuro.
Qui siamo al personalismo, al culto della personalità! Io critico i pensieri non le persone!
Che vuol dire che il tizio che ha creato il gruppo su FB è una persona simpaticissima, dolcissima e umile?
Io critico il suo modo di vedere le cose che sulla ha a che fare con la sua persona... Anche Hitler era vegetariano e amava gli animali e allora?

Siete tutti rovinati dalla tv che non riusciamo distinguere le idee dalle persone così se uno critica le idee critica tout court la persona... Uno dei distinguo, bada bene, del liberismo non del marxismo (che casomai non faceva la distinzione...).
Il prete ha trasecolato e poi tirato un sospiro di sollievo. Siccome si è messo una mano davanti la bocca invece di smucinarsi i coglioni in molti vi hanno visto un gesto omosessuale.
Se non è maschilismo e omofobia questo...
Tutto il mio ragionamento si poggia su questo semplice concetto.

A me interessano le idee non la pubblicità al gruppo di FB o al mio blog (che avrà se ce li ha 10 lettori...) il viral marketing che pubblicizza? Le idee omofobe del suo fondatore o di tutti gli accoliti?
E tu chi sei, il suo ufficio stampa?
Cos'è 'st'aria da pettegolezzo, da rumor io ragiono di cose serie non di cazzate!!!

La rivoluzione gay la si fa coi luoghi comuni sul gay effeminato!
Mio dio in che mani siamo!!!!

Anonimo ha detto...

Caro Oren Orel, se chiami confronto il 'gruppo pubblicitario' di cui si parla qui sopra, (cerca il commento), e se lo trovi interessante come sembri affermare, voglio farti un piccolo favore: la tua 'militanza' siciliana e i tuoi volantinaggi dal mio punto di vista non ti sono serviti a nulla, ed in fondo nella tua accalorata ma sciocca buona fede, mi dimostri una cosa in cui ho sempre creduto: non è la militanza 'gay' a fare la persona 'rivoluzionaria', ma è un'altra cosa, un altro quid, che data la natura della questione (quella gay se tale approssimando la definiamo)dipende molto dall'individuo singolo, proprio perché tocca questioni che vanno molto oltre quelle 'collettive'. Voglio essere preciso: quando dico 'rivoluzionario' intendo qualcosa che produca un cambiamento, che necessariamente ritocca il punto di partenza: un tornare indietro quasi, un giro non violento e silenzioso...
Se guardi ancora il commento che ti ho indicato, noterai che la persona parla di 'gruppo virale' (che brutto termine) e di 'vettore pubblicitario'. Altro che confronto. Il veleno poi è tutto tuo, e di quelli che hanno sputtanato un ragazzo che ha avuto la sola colpa di commettere un gesto lezioso, in un contesto come quello Vaticano. Gesti appunto presenti a migliaia, fino a quando non arriva un occhio indiscreto che lo isola, lo promuove a simbolo di qualcosa, e addirittura vorrebbe farlo passare per 'strumento politico'. E' questo quello che è stato contestato, caro militante. Dici che in quel gruppo si discute; io ho dato un'occhiata e la sensazione era quella di uno sfogo triste e forse dallo stesso sapore che hanno quelli in cui molti uomini attorno al tavolo di un bar (magari anche avvinazzati) hanno commentato la puttana scoperta, il trans - con il politico, e tutte le apparenti contraddizioni umane, che voi trovate ironiche, (a mio giudizio ovviamente); forse avendo visto solo una pagina, mi è sfuggito altro di molto più profondo e molto più simile a quello che tu, con la tua militanza nobile e antica, e i tuoi volantinaggi chiami 'confronto'. Su un punto sono d'accordo con te però: certo che il movimento gay, è in crisi. Io però l'espressione di questa crisi la vedo proprio nel successo enorme che suscita la cosiddetta 'seminarista sfranta', che forse a ben vedere rappresenta moltissimi di noi: gente che deve fare i conti prima che con gli altri, prima che con la militanza e i volantinaggi per i diritti altrui, con la propria identità, e direi pure con la 'femminilità' che spesso questa comporta, cari ironici liberi e giulivi come le oche di quell'orribile cortile mediatico, che dite essere 'linguaggio nuovo', 'confronto' ecc., Ma fatemi il piacere.
Buon anno, Gendibal

Anonimo ha detto...

Zitto zitto, sto per vomitare.

Oddio mi si sono rotte le unghie. 

così i lettori sono contenti e si fanno due risate.
A domani bella de casa. Haha!!! Da oggi te parloal femminile così ridicolizziamo ancora di più la nostra vita.

Paola

Herm ha detto...

Ciao Gendibal,
nel post originale c'era la frase "E da quanto leggo anche Gendibal prima di me era con Alessandro", ma poi ho l'ho tolta non volendo a mia volta parlare per altri.
Un saluto
Herm

Anonimo ha detto...

Noto solamente che qui c'è chi si spertica nella difesa del seminarista ma poi non si pone minimamente il problema di giudicare le vite degli altri definendole "imbibite di omofobia".
Con gente come voi Berlusconi ci starà altri 20 anni al governo e cadrà solo per raggiunti limiti esistenziali.
Chiudo qui e vi lascio nel vostro splendido isolamento dentro la vostra torre d'avorio.
OREN OREL

Alessandro Paesano ha detto...

No Oren non difendiamo il seminarista ma la nostra intelligenza che, per quanto modesta, vola ben più in alto degli angusti spazi di certi froci che credono di fare la rivoluzione parlando di sé al femminile...

Anonimo ha detto...

Non so perchè, Paesano, ma mi ricordi le femministe che quando ero ragazza mi dicevano che non potevamo usare frasi come "rottura di coglioni" perchè erano espressione di una cultura maschilista e che invece dovevamo sostituirle con "rottura di ovaie".
Tutte incentrate sulla forma dell'agire politico... e niente sostanza, perchè non è stato cambiando coglioni con ovaie che le donne hanno ottenuto i loro diritti.
Così tu appiccichi etichette di omofobia a chi non si inquadra nella tua visione ossessivamente formale e barbosa del mondo dei gay e delle loro lotte. Dimentichi che lo sfottò della seminarista sfranta su facebook è una pura e semplice goliardata e che i gay possono essere seriosi e politicamente corretti come li vorresti tu ma anche sarcastici, ironici al vetriolo e senza il timore di usare la parola frocio o frocia che si tratti del pretino in questione o che si tratti di se stessi.
La risata è politicamente scorretta per definizione, è istintiva, esistono torte in faccia politicamente corrette? esistono scivoloni sulla buccia di banana o craniate contro una porta di vetro che non fanno (almeno per una frazione di secondo) ridere?
E' perchè non possiamo ridere della seminarista sfranta, tanto effemminato e dalle movenze talmente frocesche da saltare agli occhi per il contrasto con un contesto particolarmente omofobo come il Vaticano?
Si tratta di sfumature della natura umana che dall'alto e nella vastità della tua intelligenza dovresti comprendere. In fondo i gay sono come tutti gli altri.
Sai cos'è passato per la testa del signor Smith mentre stava nel suo ufficio al 97° piano la mattina dell'11 settembre? Il 98° piano.
Oh scusa è una storiella maledettamente politically incorrect, manca di rispetto alle povere vittime del world trade center, esprime un cieco antiamericanismo e banalizza il problema del terrorismo globale.
Però quando l'ho sentita raccontare in Messico nell'ottobre del 2001 tutti i presenti hanno riso.
Forse l'esempio non è calzante, pensa al delitto di Garlasco, alle sorelle Cappa, le cugine che fecero il famoso fotomontaggio con la vittima e furono derise con decine di altri fotomontaggi che le mettevano nelle situazioni più buffe e impensate. Ti sei scomodato perchè sono state sputtanate?
Forse lo avevano fatto per protagonismo o forse solo perchè ingenuamente volevano mostrare di essere vicine alla cugina. Se fosse accaduto in epoca di facebook non oso pensare alla varietà e alla fantasia dei gruppi che sarebbero stati costituiti.
Daresti una "forma" politicamente corretta anche a questo?

Anonimo ha detto...

CONTINUA DAL PRECEDENTE...
Ho fatto male a ridere quando ho visto la gallery di fotomontaggi con 'ste due sventate?
Faccio male a ridere della seminarista sfranta inserita nel video del concerto (con ruzzolone) di Lady Gaga?
E' un male che questo paese abbia un'ampia letteratura di barzellette sui carabinieri e che io ne possa ridere con l'amico maresciallo dei NAS che rispetto tanto perchè fa un lavorone pazzesco per scovare le truffe e le sofisticazioni sugli alimenti che io e te mangiamo? Anche il maresciallo ne ride, non è la barzelletta che scalfisce l'immagine che ha di sè e il valore del suo lavoro.
Come i gay, che sono come tutti gli altri, ridono dei gay e scherzano sulla frociaggine senza che questo significhi voler accettare supinamente un luogo comune.
Vedo sulla home del tuo blog che ti dichiari solidale a Vauro, almeno quando attacca la Nirenstein perchè è filoisraeliana, ma come la metti con le vignette pecorecce e le battute da bar sport a proposito del caso Marrazzo? Non è che aiutassero la causa del popolo LGBT... Poteva pubblicarle Libero e sarebbero state un successone.
Insomma dalle cose che scrivi, dai toni che usi nelle repliche io ho capito che tu non sei frocio e se sei gay (o più politicamente corretto "omoaffettivo") probabilmente non parli MAI di te al femminile e magari pianteresti un paletto nel cuore di Raffaella Carrà, i carabinieri sono quelli che sparavano sui manifestanti a Genova, non sei un messicano che sbeffeggia gli yankees per l'11 settembre, le sorelle Cappa le hai snobbate, forse non ti fanno neanche simpatia le torte in faccia.
Sembri così sovietico.
Sì, i gay sono come tutti gli altri... cioè tra due fuochi, il berlusconismo delle tette e culi da una parte e dall'altra cappottoni di lana pressata che pungono e odore acre di metallo e nafta dei carri armati durante le sfilate del primo maggio. Che due... ovaie.

Per fortuna ci sono "angusti spazi" dove farsi quattro fragorose risate.

*_granatag_*

Alessandro Paesano ha detto...

E' perchè non possiamo ridere della seminarista sfranta, tanto effemminato e dalle movenze talmente frocesche da saltare agli occhi per il contrasto con un contesto particolarmente omofobo come il Vaticano?
Perché dire del seminarista che è effeminato solo per avere fatto un gesto di sorpresa (e poi uno di sollievo) e che dunque è gay per quel doppio gesto è patriarcale, maschilista e omofobo.
Tu parli di effeminatezza di "movenze frocesche" se non è omofobia maschilismo sessismo e fascismo questo...
Dai per scontato che sia gay solo perchè ha fatto un gesto che tu leggi in chiave effeminata.
Non solo appiccichi etichette patriarcali ma vuoi anche che le si riconosca come "sfumature della natura umana"!!

MIO DIO!!!

Sono solamente luoghi comuni non lo capisci? Luoghi comuni e basta!!!

No. Non lo capisci proprio a leggere gli esempi che mi porti.
Tu pensi che io mi arrabbi perchè non si deve prendere in giro la "seminarista frocia" dando per scontato che "lei" sia "frocia" meglio, dando per scontato che la categoria "frocia" sia una cosa he esiste in natura come dire il signor smith la signora smith, un terzo sesso appunto. Mentre io è proprio questo concetto di omosessualità (maschile) rigirata al femminile che contesto. Questo terzosessismo che rifiuto trovandolo omofobo, maschilista, patriarcale e anche misogino.

Bada bene non un autoironico riferirsi a se stessi al femminile ma identificare certi gesti (perchè di un gesto si tratta) inequivocabilmente, ineluttabilmente come effeminati E DUNQUE omosessuali. Sono due luoghi comuni uno sopra l'altro.
Io non ho mai parlato di politically correct...
Rileggiti i mie post...
Parlo della sostanza omofoba di chi imposta la doppia equazione gesti non ipervirili=effeminatezza=omoses-sualità.
(continua)

Alessandro Paesano ha detto...

(segue dal commento precedente)

Negli altri esempi che fai non solo dai per scontato che il seminarista per un gesto non conforme al machismo sia "femmina" e dunque "gay" ma riconosci anche che sia una colpa (le sorelle Cappa sputtanate). Ora perchè sarebbe stato sputtanato il seminarista?
Sputtanato perchè è un gay (e tra l'altro lo dite solo in base a futili prove, a luoghi comuni degni della peggiore caserma) e sta dentro la chiesa?
Perché prenderlo in giro invece di accogliere una sorella nella comunità e prendere in giro altri (il papa) dicendo loro "vedete c'è uno di noi in mezzo a voi"?
No voi prendete direttamente in giro
il seminarista con la scusa che è incoerente perchè è gay e sta nella chiesa e fate su di lui battute tristi e viete, ridete di lui non con lui, fate autoironia tramite terzi.
Prima di essere omofobi, maschilisti, patriarcali, e, in fondo, fascisti, siete imbecilli, coglioni, ignoranti, volgari, superficiali, stupidi.

Non hai proprio capito un emerita ceppa del discorso che ho fatto e con le considerazioni che fai non fai che confermarlo.
Tu dai per scontato l'orientamento sessuale del seminarista e vai oltre mentre io mi fermo lì...
Provo a rispiegarmi.
1)Il gesto del seminarista non deve esser visto come molle ma come normale anche se fatto da un uomo. Mentre tu ci vedi un gesto molle io (e altri) ci vediamo quel che è un gesto di spavento. Primo luogo comune. Un uomo che esterna sentimenti è percepito come poco virile, quinid effemminato.
Certoche le feministe che hai frequnetato non ti hanno insegnato proprio niente...
2) Riconosciuto quel gesto come molle ne deduci la poca virilità del seminarista e da quella inferisci che il seminarista sia omosessuale.
Secondo luogo comune: se sei effeminato sei checca.
Ci sono effeminati non gay invece e gay non effeminati...
Dovremmo anzi liberarci di questi concetti che non corrispondono a persone realmente esistenti ma sono indice solo del maschilismo di chi li usa.
Un gay una lesbica sono sempre uomini e donne.

3) Ammesso e non concesso il seminarista sia gay complimenti per come lo accogli bene nella "comunità".
Ridi di lui non con lui. E questo è come minimo vigliacco.


Nella seconda parte dell'intervento ti allarghi in considerazioni che si allontanano di molto da quello che tratto nei miei due post.

Ti ricordo solo che ci sono barzellette sui gay che sono altamente offensive per i gay (come mostrato nel film Philadelphia.

Certo che le barzellette devono essere politically UNcorrect altrimenti non funzionano ma c'è barzelletta e barzelletta. Ma questo non ha comunque niente a che fare con quel che dico io.
Il seminarista è una persona in carne ed ossa fatta oggetto di pubblico ludibrio dai suoi stessi consimili (per modo di dire) non il personaggio astratto di una barzelletta.

Comunque una cosa me la concederai. Se ti scaldi tanto, è perchè il mio intervento ti ha dato fastidio.
Prova a chiederti perchè. Riflettici con calma. Mi piacerebbe riuscissi almeno a capire il mio punto di vista prima di respingerlo.
Per ora dai commenti che fai ahimè non sono riuscito a spiegarmi per niente...

bello essere
quello che si è anche se si è
poco
pochissimo
niente


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...