31 maggio 2013

Un paese di fascisti e di fasciste: sullo schifoso, ignobile disumano servizio di Carola Carulli del tg2 sulla morte di Franca Rame.

Il tg2 del 29 maggio ha mandato in onda nell'edizione delle 13 un servizio sulla morte di Franca Rame a firma di Carola Carulli nel quale a un certo punto si dice


Testualmente:

Una donna bellissima, amata e odiata. Chi la definiva attrice di talento che sapeva mettere in gioco la propria carriere per un ideale di militanza politica  totalizzante e chi invece la vedeva come la pasionaria rossa che approfittava della propria bellezza fisica per imporre attenzione; finché il 9 marzo del 1973 fu sequestrata e stuprata. Ci vollero 25 anni per scoprire i nomi degli aggressori, ma tutto era caduto in prescrizione.

Quello stupro fu uno stupro punitivo come ricorda Marginalia sul suo blog:
i mandanti del  sequestro e dello stupro furono alcuni ufficiali dei carabinieri della Divisione Pastrengo di Milano e che a compierlo furono cinque esponenti di estrema destra.


Ma nel servizio del tg2 si omette la natura politica e punitiva dello sturo. Così come il colore politico dei mandanti e degli esecutori.

C'è di più. Nel servizio di Carulli si dice
Chi la definiva attrice di talento che sapeva mettere in gioco la propria carriere per un ideale di militanza politica  totalizzante e chi invece la vedeva come la pasionaria rossa che approfittava della propria bellezza fisica per imporre attenzione; finché il 9 marzo del 1973 fu sequestrata e stuprata.
Finché.

Essendo una donna che approfittava della propria bellezza fisica per imporre attenzione beh da quest'attenzione ricercata è arrivato anche lo stupro.

Siamo alle solite.

Lo stupro in qualche modo è cercato, è provocato, come fosse una opzione lecita, una possibilità giustificabile.


Sarò ingenuo ma mi chiedo come sia umanamente possibile che una donna, CAROLA CARULLI ricordate il suo nome, si presti  a un gioco politico così criminale, maschilista, misogino e disumano

Mi piacerebbe che non lavorasse più in Rai e che le fosse impedito di fare la giornalista visto che è totalmente incapace di farlo.


Dopo la marea di proteste, nella edizione delle 20.30 si è ricordata la matrice fascista dello stupro ma si è anche ribadita la bellezza e poi il giornalista conduttore ha chiesto scusa per il servizio di Carulli dicendo che il servizio era stato frainteso:
Nel Tg2 delle 13 del 29 maggio, un passaggio del servizio sulla morte di Franca Rame è stato interpretato da alcuni in modo lontanissimo dalle nostre intenzioni, un modo che offenderebbe la dignità di tutte le donne, ma anche dello stesso Tg2. In ogni caso ci scusiamo con tutti coloro che hanno letto in quelle parole un'offesa a Franca Rame. Verso di lei l'intera redazione del Tg2 prova profonda stima, riconoscenza e affetto


Le scuse, un po' a mezza bocca, ci sono state ma non hanno certo dato soddisfazione a quanti e quante hanno notate l'allusione maschista e fascista come Ivana Bonfilgio che su Faccialibro ha creato una pagina di protesta.

Il direttore del tg2 Marcello Masi è intervenuto soffiando sul fuoco con un'affermazione infelice

Mi rammarico per il fatto che qualcuno possa solo immaginare che ci sia qualsiasi giustificazione a ogni forma di violenza nei confronti delle donne e in particolare di Franca Rame, che ha segnato la mia crescita umana. Mi vergogno per quelli che pensano una cosa del genere.
che invece di dare soddisfazione hanno fato ulteriormente indignare il sito
zeroviolenzadonne che già aveva scritto una lettera di potrtesta induecndolo  inviare una seconda lettera a Masi come riporta oggi Repubblica.

Tra le altre proteste, non ultima un intervento di Roberto Fico, deputato M5S, alla camera.



Fossimo in un paese civile Carulli sarebbe almeno stata sospesa e Masi destituito. Ma siamo in Italia paese fascista che mai cambierà e ci becchiamo quella e questo.


Che razza di persone vivono in questo paese...

27 maggio 2013

Chez Tam, sans Gas!!!

Mi sveglio alle quattro per pisciare.

Veramente mi sveglio perchè Gastone non è a letto con me. Mi alzo dal letto per pisciare.

E, sì, Gastone non è nemmeno in stanza (a volte dorme sulla sedia della scrivania...).

Piscio.

Sto per tornare sotto le pezze (in questo maggio invernale) quando mi prende un'astinenza da Gastone incontenibile. Penso sia a dormire nel letto degli ospiti che è stato mio le prime due settimane qui Chez Tam. 
 Invece di Gas nemmeno l'ombra pure sul letto degli ospiti...

Cerco tra le scatole che ancora assiepano l'ingresso, sbircio la lettiera nel bagno piccolo (che è diventato il mio... o plutôt il suo) guardo in cucina, nel salone.

NIENTE.

Dopo aver esitato per un attimo se tornare a letto o proseguire la ricerca inforco gli occhiali e accendo tutte le luci anche se sono le quattro e cerco quel gattaccio rosso.

Ma non lo trovo!!!

Quando arrivo nel salone, annaspando nel cercare l'interruttore della luce non lo vedo né sul tavolo, né sul telo di panno verde che copre l'organo (in casa c'è un musicista) dove Gas è solito prendere il sole (il pomeriggio...), non è nemmeno sul divano o sulle poltrone.

Poi lo sguardo va alla portafinestra e al balcone.

E lì, con l'aria di un bambino orfano e abbandonato, lo vedo, sul balcone, subito dietro il vetro della portafinestra, la coda grossa per lo spavento.

Evidentemente Tamara non si è accorta che è uscito e ce lo ha chiuso fuori.

Apro la porta e Gas mi è subito in braccio.

Non emette suono.
Non è freddo.
Nemmeno le orecchie sono troppo gelide.

Un profluvio di ron ron riempie il letto mentre mi ci infilo con lui abbracciato e coccoloso.

Dopo nemmeno un paio di minuti se ne rivà.

Menomale che non ho desistito nel cercarlo...


19 maggio 2013

Discriminazione di genere al MAXXI: o la borsa o la vita!

Sono al MAXXI per la notte dei musei.

Sono andato presto così ho evitato la fila.

Voglio accedere a Correction una delle istallazioni di Fiona Tan che già mi ha impressionato tanto con Inventory, Disorient e Cloud Island. 

Mi muovo tra la folla vociante come quella dello struscio di via Nazionale e sto per mostrare il biglietto (anche se l'ingresso è gratuito ci vuole il biglietto...) all'addetto del museo, quando questi mi guarda e mi dice che devo lasciare la borsa al guardaroba.

Gli chiedo perchè.

Mi dice che il mio zaino è troppo grande.

Lo guardo con aria fosca e gli rispondo è una borsa non è uno zaino.

Lui, senza battere ciglio, mi dice, comunque è troppo grossa, non può passare.
La borsa eccola, nella foto c'è anche Gastone così vi rendete conto delle dimensioni. E' piena (vuota...) esattamente come era ierisera



Proprio in quel momento arriva una donna con una borsa di pelle più grande della mia e lui la fa passare senza dirle di lasciare la borsa al guardaroba.


Mi infurio e lo accuso di discriminazione di genere.

Gli dico: scusi perchè una donna la borsa anche più grande della mia può tenerla con sé e io devo lasciarla al guardaroba?

Lui insiste che il mio zaino è troppo grosso per passare. Gli indico tre borse di altrettante donne che sono più grandi della mia BORSA.

Come tutta risposta il tipo mi dice non si preoccupi passi pure.

Voi sareste passati.

Io no.

Io voglio passare non perchè ho fatto la voce grossa ma perchè ho lo stesso diritto di una donna di passare con la borsa.

Chiedo di vedere il direttore.

Non me lo vuole chiamare.

Lo intimo di chiamare un suo superiore o chiamo la polizia.

Si presenta il capo della sicurezza, un bellissimo ragazzo, un po' bassino (ma a me i ragazzi bassi piacciono tanto) anche lui in completo borghese, con l'auricolare bianco il cui filo a spirale passa dietro l'orecchio.

Gli dico di spiegare al suo collega che o blocca tutte le borse oltre una certa dimensione o fa passare anche la mia.

Non capisce.

Gli indico la borsa di una signora, gli chiedo secco perchè quella borsa passa e la mia no.

Lui, il ragazzo bellissimo e ora accipigliato (si dirà? Mah) mi dice perchè le donne nella borsa di solito... e poi si interrompe perchè si rende conto da sé della cazzata che stava per dire.

Le donne hanno bisogno di una borsa più grande perchè ci tengono le loro cose, i trucchi, i fazzoletti, gli assorbenti e altre cose da donna.
Noi uomini, noi maschi almeno, non abbiamo bisogno delle borse.

Si tratta di una discriminazione di genere, termine che penso nessuno colga nel suo significato né nella sua importanza. E mentre ribadisco o passano tutte le borse oltre una certa dimensione o non ne passa nessuna il ragazzo bellissimo (e sempre più accipigliato) mi dice:


1) e che ci mettiamo a misurare tutte le borse? (perché gli ho fatto notare che la borsa di una signora che è appena passata è grande quasi il doppio della mia)


2) che io mi sto divertendo e lui sta lavorando (questa argomentazione per me è peggio del fatidico manto rosso mosso davanti al toro...)


E poi mi fa passare visto che ne faccio una questione di principio.

Inutile dire quanto questa distinzione sia insulsa e non garantisca protezione alcuna.
Se voglio introdurre un'arma nel museo basta farla portare nella borsa di una donna.

Se una borsa troppo grande costituisce un ingombro o un pericolo per le opere del museo quelle delle donne sono più tollerate di quelle degli uomini...

Mi fa rabbia il fatto che questi lavoratori, che rispetto naturalmente, siano educati a spegnere il cervello e applicare norme idiote senza che sia permesso loro alcun vaglio critico.


Capisco che borse o oggetti ingombranti in un museo non possano entrare, ma se le dimensioni consentite della borsa al seguito cambiano in base al sesso del possessore.... beh allora non ci siamo.


C'è dell'altro, temo.


Io sono uno che dà nell'occhio.

Per i mie capelli alla Baby Jane, che ieri erano sciolti ricci e fluenti.

Per la mia stazza.

Per il colore del mio vestiario (camicia arancione, con la borsa viola...).

E, anche, perchè quando avvicino un addetto ai lavori, anche se sta lì alla porta  e nemmeno mi controlla il biglietto, io saluto e ringrazio.

Credo che questo debba insospettire. Perchè i miei e le mie connazionali normalmente non lo fanno.

Al bar ,per esempio per chiedere, un caffe e un bicchiere d'acqua io dico sempre:
Buongiorno. Vorrei un caffè, per cortesia e un bicchiere d'acqua. Grazie.

Altri avventori, non tutti, ma parecchi, dicono solamente un caffè!

Ora magari per il lavoratore io sono quello prolisso che fa loro perdere tempo e preferiscono la scortesia del cliente mussoliniano che dà ordini come il barista  fosse roba sua (di alcuni magari fossero roba mia...).

Oppure nel caso del tipo che mi ha detto di lasciare la borsa, sentendosi chiamato in causa nelle funzioni del suo lavoro (che è quello di stare là) esercita un potere e mi dice vada a consegnare lo zaino (non è uno zaino!!!).

Il tipo ha fatto passare altri uomini con borse anche più grandi della mia, ma loro erano meno appariscenti, molto più magri, magari meno vistosamente queer (mi dimentico semepre di metterci anche questo, queer, strano, non conforme ah non è una donna è un uomo. Ma che cos'è?!?! mi chiese una volta una signora sull'autobus...).

Tutto quello che mi dà fastidio e mi preoccupa è il conformismo omologante e l'automatimo di un pensiero autoritario al quale siamo tutti e tutte chiamati\e a ottemperare senza pensare. E' una forma di totalitarismo a diversi livelli.

Un altro modo di misurare la scarsa democrazia di un paese come l'Italia anche in una sera magnifica che mi aveva fatto sentire quasi felice di viverci.


18 maggio 2013

Il magone non è un grosso mago...

Appena Daniele è uscito da quella che fino a 15 giorni prima era stata anche casa sua, mi sono messo a lavare i piatti di casa

Daniele era tornato per prendere alcune delle sue cose ancora da me e per dirmi, nel peggiore dei modi, non solo che non ritornava a casa, ma che la nostra storia, giunta al settimo anno, era finita e che stava già con un altro (E' giusto che lo sappia anche tu, sto con B. e Tiziana ha detto che se lo vedi te lo vuoi fare anche tu). Ora che se ne era andato la sua uscita da casa segnava anche l'uscita dalla mia vita.

Così eccomi  a lavare i piatti cercando di non cadere a terra in posizione fetale, un po' come quando reagisci a un incidente d'auto incaponendoti  a fare qualcosa sto bene sto bene va tutto bene mentre sei ancora tanto stordito dalla botta presa che nemmeno te ne rendi davvero conto.

Intanto decido con una graniticità che non sospettavo di possedere che per Daniele non posso starci male, che tanto non serve a niente.

A sostenermi in questa impresa epica metto a loop nel lettore cd (dvd) un pezzo di Enzo Avitabile, Dolce sweet M  la prima musica tutta mia nella mia nuova vita da single, che da allora, 2005 non mi ha mai abbandonato.

La singolitudine intendo, il brano invece me lo ero proprio dimenticato e lo riscopro oggi che, nel togliere dalle scatole (possibile che non esista il verbo?) i cd da mettere nei vecchi benni (Ikea) della mia nuova camera (e casa) me lo ritrovo tra le mani.

Il brano deliziosamente malinconico e al contempo musicalmente proiettato nel futuro è questo:


In questi otto (incredibile ne siano già passati otto!) anni ho avuto un flirt e una convivenza fraterna e tanto sesso ma l'intensa solitudine on my own che mi ha condotto dove sono, cioè al crollo finanziario è ancora la stessa.

Incapace di tenermi l'amore e incapace di trovarmi un altro lavoro direbbe Tamara che sa presentare visioni apocalittiche come incontrovertibili verità.

In effetti non saprei cosa risponderle mentre respiro l'acre odore della vernice della stanza nuova che ancora non se ne va e lo splendido sole che entra dalla finestra mi fa stringere gli occhi e nello stomaco ritrovo il magone che quel pomeriggio mi attanagliò mentre lavavo i piatti.

Non li ho mai lavati altrettanto bene da allora.

E ora come allora non riesco a versare nemmeno una lacrima.

No, il magone non è un grosso mago.

8 maggio 2013

Chez Tam: le dieci piaghe d'Egitto

,Tam si aggira spaventata per la casa. E' l'una di notte e lei corre di stanza in stanza, i capelli scarmigliarti, ripetendo ad alta voce Cosa è crollato? Cosa è crollato?!?

Va beh, direte voi, Tam è curiosa creatura?
NO!!!
Essere donnano giustamente spaventato. Dopo una giornata spesa tra cassonetti per i rifiuti, letti elettrici che nessuno vuole, procedure burocratiche che nemmeno Stalin e pranzi e cene da preparare Tam era in bagno quando una mensola della sua camera da letto cede lasciando cadere il contenuto (libri e videocassette) sulla radiosveglia e il cellulare brand new.

Quando finalmente vede il crollo Tam pensa a una maledizione, a una presenza venefica. Io sdrammatizzo: é la nona piaga d'Egitto!!!!


Nell'ordine le altre sono state:

1 rasoio elettrico (Tam  ci tiene precisa NON SUO) non funzionante
2 letto elettrico da piazzare che nessuno vuole nemmeno se glielo regali guardi glielo porto su casa NO
3 scaldabagno non funzionante
4 piatto doccia non funzionante
5 scarico wc (io avevo scritto cesso ma Tam non vuole)  non funzionante
6 lavatrice non funzionante
7 scarico lavandino non funzionante
8 wi fi debole (e dunque non funzionante)
9 CROLLO
e decima e ultima  (l'indomani mattina, cioè oggi) wi-fi del pc portatile non funzionante ...

Finalmente oggi raggiunta la decima piaga possiamo cominciare l'operazione ripristino e risolvere i problemi che un sano esorcism... una sana manutenzione può risolvere facilmente.

Intanto ripristinati wi fi al pc portatile e raggirata debolezza wi fi con collegamento LAN.

meno otto!!!

7 maggio 2013

Chez Tam, c'est chic, c'est freak!!!



Sono alla mia nuova magione, in quel di Piazza Vittorio dal Primo maggio, cifra tonda, e ...una serie di sfortunati eventi ha già costellato le mie giornate.

Vado a farmi la doccia e l'acqua calda non esce, esce un acqua non fredda. Né tiepida né gelida, non fredda.


Lo scaldabagno è in funzione ma ...bagna solo, senza più scaldare.


Il piatto della doccia non ha uno scarico che possa dirsi tale così Gastone può fare surfing...










Lavo i miei panni sporchi (non quelli metaforici proprio quelli zozzi...) e il cestello della lavatrice si sgancia dal motore facendo un fracasso infernale (esiste un tecnico esorcista?!?!).

Lavatrice a Delft Vermeer 1670

Lavo i piatti e il boiler della cucina non eroga acqua calda.



Lo scarico del water scarica eppure l'acqua non sembra tirata giù dalla necessaria forza di gravità per adempiere il suo dovere...




Improvvisamente il verbo manutenere acquista tutto un altro significato...








2 maggio 2013

La filosofia del camminare


Come? Non riconoscete la ridente Garbatella?
...dopo nemmeno un anno dal trasloco a Garbatella mi sono spostato di nuovo, stavolta a Piazza Vittorio.
Essere adulti significa anche questo, credo, avere una storia abitativa lunga e differenziata.
Niente a che vedere con gli americani e le americane (del nord) ma, insomma, sono giunto anche io alla quinta casa che spero, credo, sarà la mia per un consistente periodo di tempo.

Stavolta la generosità accogliente e ospitale è della mia amica Tamara che, nel momento di massima crisi con i miei ospiti precedenti, mi ha accolto proponendomi la convivenza come la soluzione più naturale che ci fosse.

La più grande differenza della mia nuova dimora con quella dove ho ancora l'80% delle cose (ieri ho fatto il traslochino, il traslocone dovrà attendere ancora una decina di giorni)  è la sua disposizione spaziale, non tanto il sesto piano (con ascensore) ma la planimetria che vede un ingresso grande quanto una stanza, quattro camere, un soggiorno, due bagni e una cucina, piccola ma abitabile.
Io (seh, vabbeh, me piacerebbe) nel corridoio
mentre sono inseguito dai creditori.
Così per andare dalla mia camera al salone, alla cucina o anche al bagno devo camminare, seguito da Gastone che mi accompagna come un bambino segue il papà, e, camminando, ho davvero l'impressione di muovermi. Di muovermi non solo nello spazio ma anche nel tempo.
A Garbatella invece la disposizione spaziale dell'appartamento aveva tutto così a ...portata di gamba che per mangiare e cagare o dormire bastavano pochi passi e  alla fine  sembrava che non facessi mai nulla di diverso e che dormire cagare e mangiare fossero parti diverse dello stesso procedimento.
Adesso invece dalla cucina alla mia camera devo compiere 30 passi.

Trenta passi che mi ricordano che dopo quasi un anno di iato nel quale ho solo cercato di metabolizzare la perdita del mio appartamento, adesso inizio finalmente a camminare nella mia vita, piena di debiti, di incognite e di cose da risolvere e da fare e non mi riferisco al traslocone...

I'm still here and I still have a lot of things to say to you, guys and girls!!!


bello essere
quello che si è anche se si è
poco
pochissimo
niente


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...