13 novembre 2012

Festival Internazionale del film di Roma. Giorno Quinto.



Marfa Girl (USA, 2012) di Larry Clark ha il pregio di spogliare la gioventù americana senza farne occasione di morbosità. I nudi, maschili quanto femminili, non rientrano nell'immaginario collettivo patriarcale dei maschi, etero o gai, ma guardano al corpo degli attori e delle attrici alla ricerca di una genuina costruzione del personaggio.
Bellissime e bellissimi di quella bellezza fatta della verità di una gioventù non ostentata e non eccellente ma media, i protagonisti e le protagoniste del film rientrano in una estetica del corpo che lo spettatore e la spettatrice scoprono di pari passo coi personaggi stessi.
La ragazza cui fa riferimento il titolo è una giovane artista che ha vinto una borsa di studio e che fa esperienza anche di sesso, ma non solo, con tutti i ragazzi che incontra e che le piacciono. Senza reticenze sino a sfociare nella naivetè, chiede ai poliziotti ispano americani che lavorano come guardie di confine se non si vergognano a lavorare per fregare migranti ispanici come loro, ma ha una grande capacità empatica e i poliziotti invece di arrestarla le rispondono con sincerità.
Adam un sedicenne già sessualmente attivo, con la sua ragazza, con una vicina di casa ragazza madre più grande di lui,  parla con lei di tutto. Lei le spiega le gioie del cunnilingus, col quale terrà per sé la sua ragazza senza che questa cerchi altrove,  rovescia la classica considerazione maschilista che vede lecito per gli uomini avere tanti flirt ma non per le donne. Rispondendo ad Adam che si preoccupa che la sua ragazza posa fare un pompino a un altro ragazzo e poi tornare da lui e baciarlo, così che sarebbe un po' come se lui avesse fatto il pompino all'altro, come ha visto fare alla ragazza di un suo amico, che è esattamente quello che alle donne capita sempre ogni volta che fanno un pompino al loro ragazzo che magari lo ha appena infilato nella fica di qualcun altra...  E che, anche se fosse, che male ci sarebbe? Insomma una sessualità agita magari con qualche leggerezza (sia la ragazza di Adam che la vicina di casa sono incinta, niente preservativi a Marfa?). Sesso e canne, in un fine anno scolastico dove Adam viene sculacciato dalla professoressa di storia, per essersi addormentato in classe, ma la cosa diverte lei ed eccita lui, tanto che Adam si fa sculacciare anche dalla vicina di casa, se ti va...
Il tutto incredibile ma vero senza maschilismo, senza forzature, anzi con una leggerezza e una credibilità notevoli.  Poi però Tom il poliziotto bianco e schizzato, separato dalla moglie e padre di un bambino di 9 anni, una sera, dopo avere ingerito dei funghi allucinogeni, si mette a distruggere la stanza del suo coinquilino viene da questi preso a pugni, e trae piacere dal dolore: glielo vediamo duro dopo che è stato preso a pugni, ma ce lo conferma lui stesso raccontandolo alla ragazza del titolo (abusi fisici del padre). lei lo sfotte perché lui è circonciso e dunque prova metà del piacere, per questo le preferisce ragazzi ispanici che con più sensibilità riescono a venire senza stantuffarle per ore come capita ai maschi circoncinsi. Lui si incazza, ci scopa contro la sua volontà, solo qualche colpo secco. Poi esce di casa. Si reca da Adam che già dall'inizio del film vessa i tutti i modi. Lo ammanetta, gli abbassa i pantaloni, gli lecca il sedere, glielo prende in bocca, gli dice che il suo cazzo sa di fica, che deve farselo venire duro perchè vuole bere il suo latte d'odio, poi se ne va a molestare la madre di Adam, che, dice, vuole essere scopata da lui. Adam lo segue, prende il fucile a casa di suoi amici e gli spara in pieno petto uccidendolo appena dopo che la madre si era liberata dalla sua presa al collo con una padellata alla tempia.
Nel finale del film tutti vengono purificati dal canto di una guru ispano-americana che canta per liberare le energie bloccate dai traumi.

Ora dico. Ma perché nei film di questo festival l'omosessualità è sempre agita da pazzi manipolatori (Marfa Girl), ambigui (Animals), violenti (Marfa Girl), (in conflitto coi propri desideri (Goltzius and the Pellican Company) che alla fine muoiono ammazzati (The Lesson of the Devil) o suicidi (Animals)?


Una delle migliori séance MAXXI quella della retrospettiva Italia ha proposto alcuni cortometraggi del centro Sperimentale di cinematografia che danno una impressione veloce, parziale ma significativa su cosa si faceva 40 anni fa nel capo del cinema sperimentale, o di ricerca, potendolo così confrontato con quello che si fa oggi e che ci è stato ammannito col marchio di fabbrica, purtroppo deludente, di Channel 4.

Si parte con due corti di Alfredo Leonardi Libro di santi di Roma eterna, e Vampiro Romano, rispettivamente del 1968 e 1970. per capire l'importanza di questi due corti basta legegre gli interpreti del primo: Romano Amidei, Nanni Balestrini, Sylvano Bussotti, Sandra Cardini, Pierre Clementi, Michelle Coudrai, Giulio Darra, Carlotta del Pezzo, Huguette Elia, Marco Gherardi, Peter Hartman, Ronny Koelling, Jannis e Efi Kounellis, Alfredo, Silvana e Francesco Leonardi, Mario Maglietti, Eliseo Mattiacci, Letizia Paolozzi, Pino Pascali, Ettore Rosboch, Mario Schifano, Mirella Virgili, insomma un bel pezzo di cultura tra cinema musica e arte dell'epoca. Il corto con un taglio apparentemente svagato, da ripresa in superotto, ci mostra momenti della vita del gruppo di amici  tra convivio e costume, tra omo erotismo, in anni certo non facili come i nostri  e ménage familiare, costituendo nel suo dipanarsi una risposta forte e personalissima alla morale borghese.
Vampiro Romano segue una giornata di un giovane allampanato, che porta con disinvoltura un lungo cappotto color canarino: dalla spesa a campo di fiori alle visioni fantasmatiche di un vampiro con la complicità di un uomo anziano - che usa la dentiera come monstrum per spaventare il pubblico- la ricerca ardita dei costumi (pre Renato Zero) con l'impiego di bigiotteria che veste le parti intime del protagonista e un amico, dai fori della quale emerge un folto pelo pubico, nerissimo e alcuni estratti dello spettacolo A come alice con e di Manuela Kusterman Vampiro Romani si f testimone di un clima, di un periodo, dello stimolo a fare le cose in un certo modo che oggi sembra irrimediabilmente perso. Meno interessante, o forse solamente più datato, The Box of Life di Federica Mangoni (1979 che già è fuori da quel certo clima di ricerca dei settanta e già dentro l'edonismo degli imminenti anni ottanta, tutto incentrato sulla costruzione di una maschera da indossare, e poi di nuovo illuminanti gli ultimi tre corti, i più didattici, da quello sulla storia della maschera nel teatro,  La maschera e l'attore di Marcello Grottesi, 1973, al bellissimo Esperienze in uno spazio non teatrale di  Marcello Grottesi, Paolo Matteucci, 1968 nel quale mentre una poetica performativa e politica viene dichiarata vediamo l'intervento in diversi spazi pubblici con il coinvolgimento del pubblico di diverse attività performative fino all'altrettanto illuminante  Performance nel quale la pratica performativa vien spiegata con una chiarezza esemplare, portandola sino alle sue estreme conseguenze parapsicologiche (in un periodo in cui la parapsicologia aveva ancora una certa base di serietà parascientifica). Un programma bellissimo, che mostra alcune delle perle che il centro Sperimentale e la Biblioteca Nazionale nascondono e che chissà cos'altro offre, basta sapere cercare.

1979 - the box of life from federica marangoni on Vimeo.


Poi una sorpresa voluta da Mr. Greenaway, che ha organizzato un concerto gratuito con gli Architorti
un quintetto d’archi di formazione classica: due violini, viola, violoncello, contrabbasso che da anni collaborano, tra gli altri, con Greenaway per tutti i suoi film. Una esperienza unica, per farvela intendere, una contaminazione tra Quintorigo e Michael Nyman (to put it simply).



Mai Morire, (Messico, 2012) di Enrique Rivero racconta con dei tempi lenti, ma non troppo, de ritorno della figlia più giovane a casa dell'anziana madre per assisterla fino al momento della  morte. Tra culti dei morti (in una festa si prepara del cibo per loro, aspettando che ritornino  nipotini che non si capisce che stiano a fare là, con un padre che non si comporta proprio come tale, il film ha i suoi punti di forza in una fotografia meravigliosa che rende ogni inquadratura un quadro, ma per un film che lascia troppe cose non dette, facilmente capibili, presumiamo da chi conosce la cultura messicana, ma enigmatico fino alla reticenza per chi ha un mero occhio occidentale, come chi scrive. La frustrazione per non poter apprezzare fino in fondo scelte, gesti, espressioni  dei protagonisti che ci arrivano solamente tramite il solito gusto esotico (non tanto nel film quando in chi lo ho scelto per portarlo in concorso)  per il paesaggio  naturalistico e per la casa di latta veramente da poveri sottosviluppati che all'occhio etnocentrico di noi occidentali non può che diventare   pittoresco ed  edificante va di pari passo con l'estetica pseudo documentaristica del film che sembra essere l'unica macrocoordianta di un festival davvero povero di sorprese.

Ultimo film della giornata (dopo essere uscito prima da Sono entrato nel mio giardino, unico film, so far, al quale mi sono sottratto) Photo, una storia molto letteraria e poco cinematografica che pure ha una una forza nelle immagini visto che le foto hanno una certa importanza nella trama.
Una figlia alla morte della madre alla quale somiglia come una goccia d'acqua scopre che il padre non è l'uomo che l'ha cresciuta e nel cercare di incontrare gli amanti della madre incontra una serie di personaggi  grazie l'aiuto di un giovane, figlio di secondo letto con uno dei padri possibili della ragazza. Scandito da cartelli neri coi nomi dei vari personaggi la ricerca è storica quanto personale e mostra come la figlia sia davvero simile alla madre. legata a un uomo da sette anni sconvolta dalla sua improvvisa proposta di matrimonio alla fine la protagonista decide di accettare (o, almeno, di tornare dall'uomo che l'ha chiesta in sposa) dopo essere andata a letto con un possibile (ma improbabile) fratellastro libertina come lei.
Tra i personaggi anche un ragazzo che si è innamorato di un'altro del gruppo il quale, indovinate un po'?, è finito in manicomio in preda a paranoia (anche se le vicissitudini che hanno portato alla morte di uno dei ragazzi del gruppo giustificano la malattia dell'uomo). Un film tipicamente da festival che però sa farsi vedere e rimane in testa, forse meno nel cuore.

La deficienza della storia. Su una collega a dir poco sprovveduta.


Capita che annullano una proiezione stampa.

Cioè non è che l'hanno annullata è che c'è una discrepanza tra il programma accreditati ufficiale, quello stampato, e l'elenco giornaliero che ti danno in sala stampa.

Così il film che pensavi fosse alla sala Lotto alle 11 in realtà è in sala Petrassi, alle 10 e 40.

L'hai perso per un soffio e non potrai recuperarlo.

Colpa tua, naturalmente, che non ha controllato bene.

In realtà la discrepanza c'è sempre stata perché sul foglio delle anticipate stampa c'è sempre stata la proiezione alle 10 e 40, ma tu non hai chiesto né è mai stato emesso un errata corrige. Quindi non solo colpa tua. Ma comunque colpa tua.

Amen.

Poi incontro un amico con una sua amica, li informi della "cancellazione" (evidentemente non sei l'unico ad essere stato tratto in inganno) e molto sorangelinicamente tu, cioè io, a cicciona paesanina, si augura che Muller l'anno prossimo al festival non ci sia.

Questa amica del tuo amico,  una donna, bionda, mechata, bella, sui 35 andati, ti conforta e ti dà ragione.
Io sto cercando di combattere perché Muller vada via ti dice.
Mal comune mezzo gaudio.
Poi aggiunge.
Anzi io sto lottando perché questo festival chiuda.
Resti di sasso.
Mal comune fessi in due*.
Il tuo silenzio è una domanda implicita che viene colta.
Perché è un festival sbagliato conciona
Ora la tua faccia è un enorme punto interrogativo. 
Perché è un festival politico. Ti "spiega".  Non era un festival voluto dai romani, ma nato per esigenze politiche. 
Io le rispondo, come Venezia nato per far andare gente al Lido di Venezia dove De Calboli non faceva soldi. E' storia. Le dico. Studia.

La morale di questa storia?
Mai sorangelinare con gli sconosciuti. Soprattutto se sono matte come questa pazza che dice che vuole far chiudere il festival che non è voluto dalla ggente, ma intanto ci viene.

Ecco, mi chiedo. Gente così è venuta su in seguito  a Berlusconi o Berlusconi è rimasto al potere grazie a gente così?

*Versione venezuelana del nostro proverbio, molto più calzante.

12 (american song book) il nuovo album di MIna


Mina 12 (american song book)
Il nuovo disco di Mina contenente 12 standard della canzone americana e 12 copertine una per canzone, ispirate alla discografia jazz dagli anni ’30,  disponibili con la prima tiratura. Mina è accompagnata da Danilo Rea al piano, Alfredo Golino alla batteria, Massimo Moriconi al contrabbasso mentre Gianni Ferrio ha arrangiato tre brani con gli archi.

Tra i brani scelti, ce ne sono alcuni già incisi da Mina, come “Love me tender” di Elvis Presley, pubblicata in “Caterpillar” del 1991, “I’m glad there is you” e “Everything Happens to Me”, che è alla terza incisione, dopo una prima degli anni 60 e una seconda contenuta in Lochness..

Nell'album di ballad si passa con disinvoltura alle atmosfere swing di “Just a Gigolò”, versione americana di un hit austriaco degli anni 20, e ”Banana Split for My Baby”, a “I'll Be Seeing You" una popolare canzone tratta dal musical “Right This Way”
del 1938, da "September Song" di Kurt Weill a “I've Got You Under My Skin”, scritta da Cole Porter per “Born to Dance”, candidata all’Oscar nel 1937, che Mina aveva interpretato in una fantasia musicale a Studio Uno nel  1965.

Vista la data di uscita dell'album non poteva mancare una canzone natalizia: l'evergreen “Have Yourself a Merry Little Christmas” dal film “Incontriamoci a Saint-Louis” (Meet Me in Saint-Louis), ripresa più volte con maggiore successo da Frank Sinatra e “Over the Rainbow da “Il mago di Oz” del 1939 entrambe originariamente interpretate da
Judy Garland.

Non mancano due ripescaggi più vicini a noi: “Anytime anywhere” dei Gotthard, risalente al 2005 e “Fire and Rain”, un hit del 1970 di James Tylor che la rivista specializzata Rolling Stone ha messo al 227 posto nella lista delle 500 canzoni di tutti i tempi.

Tracklist:
I’ve got you under my skin 
Just a Gigolo 
I’ll Be Seeing you 
I’m glad There Is You 
Have Yourself a Merry Little Christmas 
Anytime Anywhere 
Fire and Rain 
Over the Rainbow 
Everything Happens to Me 
Love me tender 
Banana Split for My Baby 
September Song

bello essere
quello che si è anche se si è
poco
pochissimo
niente


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...