12 dicembre 2012

Ma Toutatis non è Rama.

Spazio, ultima frontiera...


Alle 7,40 di stamane, ora locale, l’asteroide Toutatis ha raggiunto il punto della sua orbita più vicina al nostro Pianeta a una distanza di 6,9 milioni di chilometri, 18 volte quella che ci separa dalla Luna.


Toutatis è accompagnato da due oggetti più piccoli,  2009 BS5 che misura circa 15 metri di diametro, e 2012 XE54, che ha un diametro di 36 metri ed è stato scoperto ieri.

Il passaggio di Toutatis è uno spettacolo per chiunque astrofili\e e non. 

Per vederlo bisogna cercare a Sud, tra le costellazioni dei Pesci e della Balena, non essendo osservabile ad occhio nudo (raggiunge una magnitudine massima di 10,5 la magnitudine minima visibile a occhio nudo è 6) per vederlo basta un piccolo telescopio.

La luminosità massima sarà raggiunta le sere del 18-19 dicembre perchè per effetto della grande eccentricità della sua orbita c’è una significativa differenza temporale tra la data del massimo avvicinamento, il 12 dicembre, e quella dell’opposizione geometrica in cui raggiungerà la massima luminosità.

Sarà davvero divertente inseguire un oggetto che nel suo momento migliore raggiungerà un moto angolare di quasi 25′ l’ora…
 

Giovedì 13 alle 21, ora locale, sul web si potrà vedere l'asteroide grazie al sito del  Virtual Telescope che ce ne mostrerà le immagini in diretta.

Toutatis il cui nome per esteso è 4179 Toutatis fu avvistato una prima volta il 10 febbraio 1934, catalogato come oggetto 1934 TC, e poi subito perso, e riscoperto il 4 gennaio 1989 dal francese a C. Pollas.

Si tratta di un asteroide tipo S, cioè un asteroide costituito principalmente da silicati.
Ha un'albedo (la capacità di riflettere la luce che riceve) moderata di 0.13.

Correlato con lo sciame meteorico delle Kappa Aquaridi Toutatis è un asteroide dalla forma irregolare costituito da due corpi probabilmente distinti che si sono poi uniti. Così si spiegano i due “lobi” da cui è costituito, la cui rispettiva larghezza massima è di circa 4,6 km e 2,4 km.


Toutatis appartiene al grupppo di asteroidi Apollo un gruppo di asteroidi near-Earth che incrociano l'orbita terrestre in due punti e sono caratterizzati da un'orbita eccentrica, con semiasse maggiore maggiore di un'unità astronomica e un perielio (q) inferiore a 1,017 UA.
Toutanisha un semiasse di 2,522 UA e un perielio di 0,635.


















Il periodo di rivoluzione di Toutatis intorno al Sole è in risonanza 1:3 con quello di Giove e 1:4 con quello della Terra, cioè Toutatis compie un giro introno al sole ogni 3 di Giove e ogni 4 della Terra.

Questo vuol dire che ogni 4 anni Toutatis si avvicina al nostro Pianeta e data l'eccentricità della sua orbita la distanza minima di avvicinamento dalla Terra può cambiare.

Il 29 settembre 2004 Toutatis è passato a circa 1,5 milioni di chilometri dalla Terra, molto più vicino di questa volta, non si avvicinava così tanto dal 1353.




La notizia, riportata su tutto il web tende a essere spettacolarizzata.

Toutatis sarebbe un gigante (ci sono altri asteroidi Apollo molto più grandi) che si sta avvicinando pericolosamente al nostro Pianeta (come abbiamo visto in passato si è avvicinato molto di più) e da come il suo passaggi viene presentato in certi articoli sembra sia un oggetto in movimento libero che passa e se ne va senza ritornare come Rama, il misterioso asteroide dell'omonimo romanzo di Clarke.

L'articolo (sic!) in cui in nome del catastrofismo si sacrifica l'esattezza scientifica è quello del sito diregiovani  dove nonostante nel titolo e nel resto dell'articolo si affermi che l'asteroide è in orbita, si legge:
Toutatis attraversando il sistema solare potrebbe passare vicino alla Terra, ma perché l'orbita dell'asteroide è caotica, il suo percorso esatto cioè quanto potrebbe essere vicino a noi non sono ancora riusciti a prevederlo.
(I corsivi sono miei)
L'orbita di Toutatis invece è calcolabilissima e ritornerà a visitarci fra altri 4 anni come ha sempre fatto e farà ancora per molte migliaia di anni.

Toutatis o Teutates nella mitologia celtica è il dio della guerra, della fertilità e della ricchezza. Il suo nome significa "padre della tribù", touta in celtico che significa "tribù" o "gente".
Toutatis è anche conosciuto con i nomi di Albiorix (re del mondo) e Caturix (re della battaglia). Al Dio erano offerti sacrifici umani per placare la sua ira.

Ai più è conosciuto grazie a Goscinny che ne fa invocare il nome ad Asterix (famosa l'esclamazione "Per Toutatis").


Il 6 gennaio 2013 Toutatis sarà sorvolato dalla sonda spaziale cinese Chang'e 2.




fonti per questo post

www.infinitafollia.it

Rainews 24 L'attesa per il passaggio dell'asteroide Toutatis

Sito della nasa

terrarealtime

Coelum

astrofilipesaro
bello essere
quello che si è anche se si è
poco
pochissimo
niente


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...