6 luglio 2009

Cronache da Fictionlandia (1)

Inizio di qualità con una produzione islandese. Cosa so dell'Islanda io? Nulla. Oltre Bjork. Produzione autonoma, anche se strizza l'occhio agli Stati Uniti, miniserie di 4 episodi, due stasera per tutti, uno solo, ahimè, stamane, per la stampa.



Hamarinn, di Reynir Lyngdal Islanda 2009, racconta di un incidente che vede vittima il giovane figlio di un appaltatore, precipitato da una collina (il titolo) a bordo di un'escavatrice. La polizia sospetta di un sabotaggio ma ci sono anche presenze paranormali, la collina infatti è sacra e deve invece essere abbattuta per fare posto una centrale elettrica...

Girata bene, attori e attrici brave/i e belle/i, ambientazioni per noi esotiche e un modo di raccontare il paranormale che non scade nel pacchiano e nel ridicolo come fanno gli americani...


Poi è la volta di Moonshot, GB 2008, di Daniel Bale, che racconta del faomso primo piede umano sulla luna. Un racconto apologetico, americanissimo, nonostante il film sia inglese, la cui unica vera sorpresa è James Master (Spike in Buffy) nel ruolo di Buzz Aldrin.

Nessun punto di vista sociale, storico, politico, gli americani sono andati sulla Luna perché non avevano niente di meglio da fare.

Effetti speciali minimal, specialmente quelli in assenza di gravità, (aveva fato ben altro Ron Howard per Apollo 13. Solo un attimo di emozione quando, per simulare una penna a sfera che fluttua in assenza di gravità, viene ripreso (male) il trucco usato da Kubrick per 2001 dell'adesivo su un foglio trasparente sul quale la penna rimane magicamente sospesa. (Subito dopo che l'astronauta la prende, se aguzzate la vista, si vedono i residui di adesivo..
Troppo poco anche per gli americani, figuriamoci per gli Inglesi.



Terza proiezione del giorno Champs 12 una telenovela argentina, in onda da marzo 2009, 120 episodi previsti, della durata di 60 minuti l'uno.
Amori adolescenziali, rigorosamente etero (almeno nel pilota), un incrocio tra Kiss Me Licia (la versione mediaset anni 90) e OC.

Ma resta comunque un bel vedere...



La minaccia di Silvia Luzi, Luca Bellini invece è stato una delusione.
Presentato come il documentario maledetto, censurato dalla Rai (che lo ha espunto dal palinsesto appena due giorni prima della prevista messa in onda, senza nemmeno avvertire i due autori), scomodo sia a destra e sinistra, che doveva mostrare i rapporti di Chavez, il presidente del Venezuela che ha nazionalizzato i pozzi di petrolio...

Ma il documentario non spiega chi è che fa le riprese e perché, non mostra i suoi creatori, nascondendoli dietro una pretesa oggettività di quel che viene ripreso. Vengono intervistati Chavez (e non si spiega con quali credenziali sono state ottenute le interviste) ma anche gente comune, degli slums, che dicono la loro sul presidente e su tutto. Immigrati italiani di seconda generazione che tornano in Italia perché lì pagano le tasse solo loro, gente che costruisce case abusive e parla di armi... Tutto senza nessuna spiegazione del contesto, classificazione delle persone int3ervistate, informazioni sul posto dove si è e tante lungaggini da filmino homemade...

Insomma la classica montagna che partorisce il topolino, tradizionale, e discutibile.


Poetico e interesantissimo invece Fuori Rotta, di Salvo Cuccia, che documenta il lavoro recente di Antoine Giacomoni, il fotografo corso di Nico, prima, e tanti altri, dopo, che fotogra musicisti, attrici, poeti, fotografi del mediterraneo con la tecnica del Mirror sessions da lui inventata (rirendere il soggetto da uno specchio che ne riflete l'immagine, tecnica inventata per continuare a fare foto a Nico che non voelva più saperne di mettersi in posa).

Ne risulta un collage di incontri di persone di storie di pensieri di sapori odori e musiche (Quelle esotiche di un musicista sufi quelle folli di un organisgta siculo) più di un documentario, più di un film, un documento unico nel suo genere girato con vari formati(digitale, pllicoa super8) che ammalia e incanta.

Nessun commento:

bello essere
quello che si è anche se si è
poco
pochissimo
niente


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...