3 agosto 2009

Ancora il gatto di Simon


Geniale, come al solito, ma...

Perché Simon non lo accarezza mai? Non lo tocca? Non lo bacia?

Cirillo (che è ancora tra di noi ma non so ancora per quanto) si comporta esattamente come Simon. E' Simon che non si comporta come me!!!!

Ecco vi qualche esempio:


Quando Ciri si avvicina come minimo gli faccio un grattino sulla testa (o alla base della coda), tanto per ribadire che gli voglio bene e sono riconoscente che mi permetta di vivere con lui (è così che lui la vede ci dicono gli etologi...).

Simon si limita a sorridergli...

Quando Ciri apre la bocca non posso evitare di infilargli un dito, lui mi morde (per finta) e iniziamo a giocare...

Simon gli fa "shh" col dito (per guardare la partita poi!!!).

Quando io e Ciri siamo tête à tête è tutto un profluvio di bacini con quel suo naso umidoso...
Simon lo guarda di sottecchi invece...



Quando Ciri si mette con la pancia sulla mia faccia non posso evitare di mordergliela tutta... (A lui piace, ve lo assicuro) e le mani lo smanazzano dappertutto...
Ma non Simon...
Quando, in segno di riconoscenza, Ciri ti mette il culo in faccia (cosa che piace solo agli zoofili...) io gli abbasso la coda, che copre le pubenda, lo giro di 180 gradi e inizio a smanazzargli le orecchie, distruggendogliele con delicatezza (anche questo gli piace da matti). Oppure gli prendo la testa in una mano e gliela agito come fosse uno shaker... anche per diversi secondi...
Simon si limita a subire...
Quando Ciri mi onora mettendosi sul mio grembo è tutta una carezza...
Guardate invece le mani di Simon...
Ci credo che, deluso, il gatto di Simon se ne vada... Simon invece è solo arrabbiato per non aver potuto rispondere a quel dannato telefonino.
E quando, diversamente da noi umani, il gatto di Simon non mostra alcun rancore, Simon invece di spanciafrullarlo (il termine è di Silvio), di giocarci, di avventarsi sulle zampe cuscinettose e allargare ogni singolo dito..., Simon si limita a sedersi sul bracciolo della poltrona.

La cosa più bella di avere un gatto in casa è che hai un estremo contatto fisico con lui (lei). Sempre, in ogni momento, anche quando tu non vuoi o solo quando vuole lui (lei).

E' questo il bello del gatto.
Simon invece si limita a subirne gli effetti collaterali ma non sa godersi tutto l'affetto, l'amore, la ciccia calda e pelosa, le fusa, il naso umidiccio che ogni micio san regalarti con enorme generosità.

E improvvisamente questo disegno animato non mi fa più così tanto ridere...
Mai visto tanto spreco di amore felino!!!!

Nessun commento:

bello essere
quello che si è anche se si è
poco
pochissimo
niente


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...