28 luglio 2009

Donne, maschilismo e pubblicità



Lui è assorto nella lettura, come dire, "lavora" anche quando è in pausa, seduto al tavolo di un bar. Lei invece non fa nulla di lavorativo, si sta ricreando, e mentre beve il caffè ci prova con lui. E' lei l'attiva, la propositiva. Lo guarda diretta, senza timidezza, è estasiata da lui, dalla sua avvenenza (sic!). Lui la guarda e sembra più incuriosito che altro. E' come se dicesse "vediamo dove vuole arrivare". Più lusingato che altro. La lascia fare. Sorride, ma continua a leggere il giornale. Lei si alza spavalda. L'emancipazione femminile è anche questo, rimorchiare un uomo come l'uomo ha sempre fatto con la donna. Un po' vamp un po' audace si avvicina al tavolo di lui. Lui la guarda e aspetta, forse una parola, per lui lei potrebbe essere tranquillamente una cliente che lo ha riconosciuto. Lei è invadente. Poggia la sua borsa sul tavolo, si china senza smettere di guardarlo e scrive con il rossetto sul suo prezioso quotidiano il suo numero di telefono.
Lui non se ne rende subito conto, ma quando lo fa impugna il giornale e la scaccia come si fa con le mosche, colpendola al collo. Lei indietreggia, umiliata e interdetta ma ha ancora abbastanza spirito da prendere la borsa mentre indietreggia.
Infine il claim in inglese:
Success in bussiness, a matter of priority.(successo negli affari, una questione di priorità).


Le scritte sono in inglese ma la testata del giornale è in rumeno. Ziarul Financiar è un quotidiano finanziario di Bucarest.

La pubblicità è a dir poco fascista, intrisa com'è del peggiore maschilismo.

Lui lavora lei rimorchia.
Lui è il molestato lei la molestatrice. Molestatrice innocua, per esser scacciata è sufficiente un giornale.

Tra l'altro chi è un maniaco del quotidiano (io odio sia spiegazzato) non lo impiegherebbe mai come fa l'uomo nello spot, perché dopo un uso così improprio (e violento) si spiegazzerebbe tutto.... Quindi l'idea centrale dello spot non è nemmeno rispettata. Per tacere del fatto che, per quando possa essere sexy, dopo un uso così improprio del rossetto lo butti e gli uomini (che sicuramente hanno pensato questo spot) non hanno la minima idea di quanto possa costare un buon rossetto. UNA PENNA NO!?!?!

Il paternalismo del claim insinua che per avere successo non bisogna avere "distrazioni". Una donna è dunque una distrazione, non una persona. Il successo lo si ottiene coi sacrifici rinunciando anche alle donne, che tanto stiamo bene tra noi uomini, a parlare di donne e toccarci l'un l'altro in palestra...

La cosa inammissibile è che nello spot quell'uomo picchiato una donna, poco importa se con un giornale, tra l'altro per un futile motivo.


Mi piacerebbe essere un milionario per imbastire una campagna per far chiudere lo Ziarul Financiar o almeno ritirare uno spot così ignominioso.

4 commenti:

Tamcra ha detto...

Caro Ale,
temo che lo Ziarul Financiar abbia come target (presunto) un branco di cavernicoli, oltretutto è uno spot idiota perchè la Romania non manca di donne manager! E' più onesto allora un calendario per camionisti o meccanici...

Anonimo ha detto...

Sono più che daccordo con Tamcra!!!
Mi chiedo quanto ci vorrà prima questo tipo di spot vadano per la maggiore anche in Italia...
Herm (che comprende che allo stato attuale essere nati maschi è una situazione privilegiata)

Anonimo ha detto...

La pubblicità sarà di cattivo gusto, sì. E tutte le vergognose pubblicità dove si predica VIOLENZA fisica sui maschi solo perchè colpevoli di avere il cromosoma Y o si mettono alla gogna mediatica anche i bambini (vedi vergognoso spot pubblicato su una rivista femminile o la vergognosa serie del "boys are stupid"in cui si arriva a predicare violenza contro bambini) non contano vero? Per me voi sessiste non siete meglio di Hitler.

Alessandro Paesano ha detto...

La pubblicità sarà di cattivo gusto, sì.

No. Non ho detto che è di cattivo usto. Cattivo gusto è qualcosa di volgare, ma non necessariamente pericoloso.
Questa pubblicità rende scherzoso un gesto di violenza su una donna.

Direi che è molto peggio di "cattivo gusto"

E tutte le vergognose pubblicità dove si predica VIOLENZA fisica sui maschi

Di quale pubblicità parli? potresti fare un esempio (o due)?

...solo perchè colpevoli di avere il cromosoma Y

e questo che cosa significa?!?!

Che vuoi dire?!?! Spiegati!

o si mettono alla gogna mediatica anche i bambini (vedi vergognoso spot pubblicato su una rivista femminile

QUALE?

o la vergognosa serie del "boys are stupid" in cui si arriva a predicare violenza contro bambini non contano vero?

La violenza conta. Sempre. Non capisco a quale spot ti riferisci. Potresti essere più chiaro?

In ogni caso il fatto che ci siano altre pubblicità negative magari contro gli uomini, questo non giustifica né sminuisce o alleggerisce la negatività degli spot in questione.

Per me voi sessiste non siete meglio di Hitler


Beh intanto io sono un uomo....


E poi sai cosa significa sessista? Da quel che dici non credo...

Infine, se io e le altre sessiste siamo Hitler, tu, chi sei? Gigi Marzullo?

bello essere
quello che si è anche se si è
poco
pochissimo
niente


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...