18 settembre 2012

Voglio la testa di Damon Lindelof (sceneggiatore di Prometheus di Ridley Scott) su un piatto d'argento.

Damon Lindelof il peggiore sceneggiatore della storia del cinema mondiale oltre avere fatto scempio di Lost (con quel finale che è una presa per i fondelli cosmica) si dimostra un analfabeta della fantascienza cinematografica e televisiva e in Prometheus (Usa, 2012) di Ridley Scott ci racconta una storia che ignora tutto il rigore della fantascienza cinematografica e televisiva.

Nessuna ricerca per batteri o agenti patogeni (eppure sono su una luna aliena), due membri dell'equipaggio dinanzi una forma di vita tentacolare si comportano come stessero guardando un gattino innocuo (e vengono maciullati di lì a poco... fosse capitato a Lindeloff invece che a loro...).

Nessuna rigorosa ricerca scientifica (anche per fini truffaldini) con la misteriosa e nera (si sa il male è di quel colore...) sostanza organica solo l'inutile contaminazione di un membro dell'equipaggio (e lo si lascia morire senza raccogliere sui sintomi, etc...).

Domande sull'esistenza del creatore che in confronto quelle di Marzullo sono domande filosofiche.

Lindelof ha distrutto un film da 130 milioni di dollari (che ne ha già incassati 300) con l'incoscienza e la nerditudine di quelli della sua classe (1973 adolescente verso la fine degli anni 80).

Una generazione che ha già ucciso Hollywood.

Per tornare a vedere film hollywoodiani mainstream interessanti dovremo aspettare che questi mentecatti crepino.

Io confido nella sorte.

Nessun commento:

bello essere
quello che si è anche se si è
poco
pochissimo
niente


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...