17 dicembre 2009

Il governo Berlusconi: sindrome cinese

E mentre Tartaglia si sta rivelando il peggior boomerang della storia Italiana (secondo solo alla secessione dell'aventino dell'italico regno) come l'incendio del Reichstag o gli attentati a Mussolini permisero di fare a pezzi le rispettive Costituzioni, il governo pasce nella sua vocazione fascista e si prepara a varare decreti leggi illiberalissimi filtri per la rete, inasprimento delle pene per i reati già presenti nel nostro codice civile e penale, divieto della diretta televisiva senza l'autorizzazione del governo, tutte leggi che passeranno per decreto, senza una discussione in parlamento, come piace a Berlusconi. C'è di più. Berlusconi ne approfitta per farsi leggine ad hoc: stavolta si tratta di abbassare il tetto pubblicitario a Sky dal 18% limite che hanno Rai e Mediaset al 12%, meno soldi per un concorrente scomodo, che creerà la scomparsa di qualche manciata di posti di lavoro (Sky Italia impiega 200 persone) ma chissenefrega, tanto Berlusconi ha dalla sua gli italiani (e purtroppo, una grossa fetta sì).

Bloccare la rete, bloccare i concorrenti, bloccare ogni dissenso con tutti i mezzi.
E gli italiani, tutti,stanno a guardare.
Beh magari non proprio tutti...

Nessun commento:

bello essere
quello che si è anche se si è
poco
pochissimo
niente


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...